L'esperta risponde

L’esperta risponde: capire di cosa è fatto un filato

Come testare le fibre col fuoco
Scritto da Alice Twain

Ci scrive Susanna che ha un problema: «C’è un metodo “scientifico” per capire la composizione di un filato senza avere il cartellino del negozio? Sono piena di lana di ignota provenienza e vorrei capire cosa farci, ma se non so cos’è come faccio?».

Ciao Susanna, ovviamente il metodo scientifico c’è ma per applicarlo dovresti disporre del laboratorio di CSI. In un laboratorio di analisi si può arrivare a livelli notevolissimi di precisione individuando non solo la tipologia ma il tipo preciso di fibra, fino a definire la composizione del filato con una precisione del 5%.

Come testare le fibre col fuoco

Come testare le fibre col fuoco

A livello casalingo puoi compiere un test molto facile e rapido usando un accendino o una candela e una pinzetta (per trattenere il filato da testare senza rischiare di bruciarsi). Questo test non ti permette di capire se un filato è in alpaca o in cashmire, ma ti può permettere di individuare un filato sintetico rispetto a uno in lana. Si esegue semplicemente tagliando dal gomitolo una “tirella” di filo lunga circa 50 cm. Posa questa tirella in posacenere o su un piattino che non ti dispiacerà rovinare con un capo che spunta in fuori e dagli fuoco. Di seguito una sintesi delle caratteristiche delle varie fibre, in calce al post ho inserito una scheda con le caratteristiche dettagliate fibra per fibra.

  • Se il filato è in lana o altra fibra animale, stenterà a prendere fuoco e una volta acceso tenderà a spegnersi con una carta rapidità (non in modo istantaneo ma comunque in pochi secondi), soprattutto se non è trattato. Emetterà un odore simile a quello del pollo quando lo si strina per eliminarne le piumette (se sei vegetariano e non hai mai strinato il pollo, prova a bruciare una piuma del cuscino o qualche capello). Produrrà poco residuo scuro a raggrumato.
  • Se il filato è in cotone o altra fibra vegetale, prenderà fuoco rapidamente ma sarà piuttosto facile da estinguere. L’odore del fumo sarà quello di erba secca che brucia e prosurrà una cenere bianca. Ricordo en passant che la canapa tessile non è ricca di THC, quindi i suoi fumi non hanno alcun effetto.
  • Se il filato è in viscosa o altra fibra artificiale acetata, avrà caratteristiche simili a quelle del cotone ma l’odore sarà più affine a quello della carta bruciata con una nota d’aceto e, come i sintetici, tenderà a deformarsi e fondere prima di prendere fuoco.
  • Se il filato è in fibra sintetica (acrilico, nylon ecc.), prenderà fuoco molto facilmente e rapidamente e stenterà a estinguersi, inoltre esposto al calore tenderà a fondere e deformarsi. L’odore sarà quello di plastica bruciata e il residuo sarà scuro, colloso, persistente, difficile da ripulire.


Ovviamente, quandi si farà questo test con filati misti i risultati saranno complessi, per esempio un odore di pollo con un sottofondo di plastica indicherà un filato misto con una prevalenza di lana e una quantità minore di acrilico o altro sintetico. Inoltre, le fibre sintetiche hanno un caratteristico “luccicore” che tende a renderle riconoscibili anche a vista nel filato.

Fibra Esposta al calore Esposta alla fiamma Odore Residuo
Lana, cashmere, alpaca ecc. Non ha reazione Prende fuoco con difficoltà, si spegne da sé Capelli o piume bruciati Piccola massa scura che si sbriciola facilmente
Seta Non ha reazione Prende fuoco con difficoltà, si spegne da sé Capelli o piume bruciati (lieve) Piccola massa scura e morbida
Cotone, ramiè Non ha reazione Prende fuoco e brucia Carta bruciata Cenere grigia
Cotone mercerizzato Non ha reazione Prende fuoco e brucia Carta bruciata Cenere nera
Lino, iuta, canapa Non ha reazione Prende fuoco e brucia Erba bruciata Cenere grigia
Viscosa (rayon) Tende a fondere e deformarsi Prende fuoco e brucia Carta bruciata, aceto Cenere grigia grossolana
Altri acetati Tende a fondere e deformarsi Prende fuoco e brucia Carta bruciata, aceto Cenere grigia o nera grossolana
Acrilico Tende a fondere e deformarsi Prende fuoco molto rapidamente, difficile da spegnere Plastica bruciata, carne Massa fusa scura, talvolta cenere grossolana
Nylon Tende a fondere e deformarsi Prende fuoco molto rapidamente, difficile da spegnere Plastica bruciata, sedano Massa fusa grigia
Modal Tende a fondere e deformarsi Prende fuoco molto rapidamente, difficile da spegnere Plastica bruciata, acre e chimico Massa fusa consistente e nera
Poliestere Tende a fondere e deformarsi Prende fuoco molto rapidamente, difficile da spegnere Plastica bruciata, dolce ma chimico Massa fusa tondeggiante e nera

L'autrice

Alice Twain

Lavoro a maglia da diversi anni, tengo corsi di livello avanzato e su tecniche peculiari, disegno modelli, sono tra le fondatrici del gruppo stitch and bitch Milano (ci trovate su http://maglia.blogspot.com/). Ho scritto il manuale minimo di maglia "Ai ferri corti", il mio blog personale è http://ferricorti.wordpress.com/.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: