L'esperta risponde

L’esperta risponde: steeking, chi era costui?!

Tagliando uno steek
Scritto da Alice Twain

Per aprire lo scollo, gli scalfi o per trasformare il maglione in un cardigan, viene predisposta un’area che può essere tagliata senza che il lavoro si disfi.

Ci ha scritto Mattia chiedendo: “in un modello ho letto il termine ‘steeking‘, ma non sono riuscito a capire comse si esegue questa tecnica, potete darmi una mano?”.

Lo steeking è una tecnica che permette di creare aperture tagliando (ebbene sì) il lavoro a maglia.

Si usa di solito per crare scolli, scalfi e aperture nei capi lavorati con tecnica Fair Isle, cioè a due colori. Questa vasta famiglia di tecniche, infatti, prevede la lavorazione in tondo, che permette di eseguire tutti i motivi sul dritto del lavoro. Per aprire lo scollo, gli scalfi o per trasformare il maglione in un cardigan, viene predisposta un’area che può essere tagliata senza che il lavoro si disfi. Questo presuppone l’uso di un filato particolare: la lana shetland, la lopi e altre lane nordiche, infatti, al lavaggio hanno un leggero infeltrimento che fa sì che il lavoro non rischi di disfarsi.

Come si esegue lo steek

Steeking rinforzato con l'uncinetto

Lo steeking è evidenziato e rinforzato da una lavorazione all’uncinetto

L’area in cui eseguire il taglio spesso viene lavorata con un motivo chiaramente riconoscibile e particolarmente denso, che migliora la tenuta del lavoro, ma questo passaggio, ancorché utile non è necessario. A questo punto, le colonne di maglie adiacenti a quella che si intende tagliare vengono rinforzate o con l’uncinetto (eseguendo due serie di maglie bassissime nelle maglie del lavoro) o eseguendo delle cuciture a macchina. Queste lavorazioni non solo rinforzano il lavoro, ma delimitano anche le maglie da tagliare. A questo punto è sufficiente tagliare nettamente in due la maglia centrale, tagliando tutti i fili orizzontali. Se lo steeking è stato eseguito correttamente, non si disferà nulla.

Lo steeking si ripiega verso l'interno

Le maglie sono riprese sul dritto facendo ripiegare lo steeking all’interno del lavoro

Una volta aperto lo steek, possiamo riprendere le maglie a un paio di maglie all’interno del taglio per lavorare un bordo o per creare la manica. La parte tagliata si ripiegherà all’interno del lavoro e, se preferite, potrete metterla in sicurezza aggiungendo uno sbieco o un gros grain.

Ovviamente, una volta lavorato lo steek non è possibile tornare indietro, quindi eseguite il taglio solo quando siete certi al 100% di cosa state facendo. Inoltre, il filato non è recuperabile perché viene ridotto in filamenti di lunghezza limitata, ma se usate il filato giusto questo sarà comunque difficilmente recuperabile dato il leggero infeltrimento di cui abbiamo già detto.

L'autrice

Alice Twain

Lavoro a maglia da diversi anni, tengo corsi di livello avanzato e su tecniche peculiari, disegno modelli, sono tra le fondatrici del gruppo stitch and bitch Milano (ci trovate su http://maglia.blogspot.com/). Ho scritto il manuale minimo di maglia "Ai ferri corti", il mio blog personale è http://ferricorti.wordpress.com/.

Leave a Comment

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: