Recensioni di filati

Pecunia AquiLANA a 4 capi. La bellezza dell’essenzialità

Scritto da Alice Twain

Il filo a quattro capi Pecunia AquiLANA si presenta uniforme e ben bilanciato, con una torsione non eccessiva; si smatassa facilmente senza ingarbugliarsi e non tende particolramente a dividersi se lavorato ai ferri.

Il campione di Pecunia a 4 capi

Il campione di Pecunia a 4 capi

La qualità di un filato si riconosce dalle piccole cose, non dai colori fantasmagorici o dalle texture insolite ma da quella classicità che permette di ottenere texture perfette e una consistenza morbida ma compatta al contempo. È il caso del filato Pecunia a 4 capi di AquiLANA (di cui avevamo già recensito lo stoppino). Si tratta di un filato di peso Aran con una torsione moderata che ne preserva la morbidezza e che si lavora agevolmente a 19 maglie per 10 cm con un ferro da 4,5 mm.

Il campione di Pecunia a 4 capi

Il campione di Pecunia a 4 capi (clicca per ingrandire)

Il filo a quattro capi si presenta uniforme e ben bilanciato, con una torsione non eccessiva; si smatassa facilmente senza ingarbugliarsi e non tende particolramente a dividersi se lavorato ai ferri. La sua leggera ruvidezza è sintomo di un materiale tutto naturale  e che non ha subito alcun trattamento di surfattazione. Dopo il lavaggio questa leggera ruvidezza scompare lasciando un lavoro per nulla ispido, anzi morbido ma “vivo” e corposo. La resa di Pecunia è eccellente sia nei punti base (legaccio e rasata) sia nel traforato che ne esalta la definizione morbida ma netta. Purtroppo, la torsione a mio avviso un po’ modesta depriva il filato di un quid di elasticità, rendendolo poco performante nelle coste e nelle trecce, che restano ottimamente definite ma un po’ piatte e prive di elasticità.

Fascetta di Pecunia, clicca per ingrandire e leggere i dati

Fascetta di Pecunia, clicca per ingrandire e leggere i dati

Complessivamente, Pecunia a 4 capi di AquiLANA è un filato perfetto per maglioni, cardigan e gilet: caldo e compatto ma morbido; adatto anche a copertine da culla o lettino. La fascetta che ci è arrivata era incollata in modo da coprire le istruzioni di lavaggio, ricordo comunque che Pecunia è lana non trattata e che quindi deve essere lavata a mano in acqua appena tiepida.

Un’annotazione storica. Pecunia era la dea latina della ricchezza; il termine pecunia in lingua latina derivava da pěcus, ossia bestiame (pecora), che anticamente rappresentava la ricchezza principale e la principale merce di scambio.

L'autrice

Alice Twain

Lavoro a maglia da diversi anni, tengo corsi di livello avanzato e su tecniche peculiari, disegno modelli, sono tra le fondatrici del gruppo stitch and bitch Milano (ci trovate su http://maglia.blogspot.com/). Ho scritto il manuale minimo di maglia "Ai ferri corti", il mio blog personale è http://ferricorti.wordpress.com/.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: