Libri e riviste Tecniche

Il dizionario dei punti all’uncinetto tunisino di Guzman

Dizionario dei punti di uncinetto tunisino di Kim Guzman
Scritto da Valentina La Masca

Un ottimo dizionario dei punti per l’uncinetto tunisino recensito per voi: Tunisian Crochet Stitch Guide di Kim Guzman.

Dizionario dei punti di uncinetto tunisino di Kim GuzmanLa raccolta di punti di Kim Guzman dal titolo Tunisian Crochet Stitch Guide è sicuramente uno dei libri più diffusi ed apprezzati tra chi si dedica all’uncinetto tunisino: cerchiamo di capire perché.

Innanzitutto, una premessa importante: il libro è in inglese; non esiste ad oggi una traduzione italiana di questo testo. Quello che posso dire a chi si sentisse scoraggiato di fronte a questa informazione è di non rinunciare all’acquisto del volume a causa di un’eventuale poca dimestichezza con l’inglese. Vi invito per prima cosa a leggere l’articolo di Alice Twain sul rapporto tra istruzioni in inglese e conoscenza della lingua e, se ancora non siete convinti, aggiungo che nelle prime pagine del manuale l’autrice presenta una tabella dei simboli e delle abbreviazioni corrispondenti ai vari punti dell’uncinetto tunisino che compongono gli schemi successivi. Inoltre, in appendice troviamo la spiegazione scritta e (soprattutto) fotografica dei punti essenziali.

Se questo ancora non fosse sufficiente a rassicurarvi, ricordatevi che l’autrice, Kim Guzman, gestisce un fantastico e gratuito canale YouTube in cui mostra come eseguire i punti fondamentali in questione.

Le spiegazioni dei punti sono tutte accompagnate dal relativo grafico: una volta associata l’esecuzione del punto al simbolo corrispondente non avrete problemi ad interpretarli.

Il volume si presenta piccolo e compatto, con le sue 96 pagine ed il formato super tascabile (circa 21×14 cm): le dimensioni contenute ed il peso ridotto lo rendono adattissimo ad essere trasportato.

Secondo la mia esperienza i caratteri si leggono facilmente ed i simboli degli schemi sono grandi e ben definiti.

L’unico “difetto” che ho riscontrato, se così si può definire, è che il libro non rimane aperto se appoggiato su un piano: quando si impara un nuovo punto e si ha bisogno di controllarne lo schema per memorizzare i passaggi conviene bloccare in qualche modo le pagine, ad esempio con un peso, in modo da non dover posare il lavoro per consultare il libro e rischiare, letteralmente, di perdere il filo.

Tunisian Crochet Stitch Guide di Kim Guzman - uncinetto tunisino

Veniamo ora al contenuto.

Come anticipato, Tunisian Crochet Stitch Guide è una raccolta di punti dell’uncinetto tunisino, infatti vi troviamo un unico modello da realizzare con uno dei punti presentati, ed è una sciarpa (della sciarpa e di alcuni punti potete vedere un’anteprima qui). Se cercate un testo contenente istruzioni per capi di abbigliamento o complementi di arredo o altro ancora, questo non è il libro per voi.

La parte iniziale del libro insegna, come già scritto, ad interpretare i grafici, con una pagina che spiega How to Read A Chart ed una ricca tabella di due pagine che presenta i simboli utilizzati per illustrare i punti del volume.

Io amo particolarmente gli schemi quindi questo aspetto del manuale da solo costituisce per me un deciso punto a suo favore; anche se preferite le spiegazioni scritte comunque vi consiglio di non trascurare l’apprendimento dei simboli, perché vi renderà più immediata l’interpretazione degli schemi a seguire, e conoscerli potrebbe comunque servirvi per lavori futuri.

Ogni punto del dizionario è accompagnato dalla spiegazione scritta, dallo schema e vengono sempre specificati i multipli di catenelle da cui partire per ottenere il punto scelto.

I punti vengono spiegati in ordine di difficoltà, quindi il primo capitolo è dedicato alla spiegazione dei punti fondamentali (punto base, punto base da rovescio, punto maglia…) e di qualche altro più elaborato, per un totale di 14 punti. Familiarizzare ed esercitarsi con questi punti è molto importante, perché costituiscono le basi da cui partire per creare quelli dei capitoli successivi.

Il capitolo seguente è dedicato a punti complessi che creano trame compatte. Un esempio tra tutti è la versione al tunisino del punto scacchiera. Vengono poi presentati altri punti più insoliti.

Il terzo capitolo offre una gamma interessante di 12 punti studiati specificamente per essere lavorati con filati di due o più colori differenti (restano comunque di notevole effetto anche eseguiti con un unico colore): in questa sezione, anche le righe dei grafici cambiano colore in corrispondenza del cambio di filato, per rendere l’interpretazione degli schemi più immediata.

Il quarto ed ultimo insieme di punti costituisce una bella sorpresa per chi è dell’idea che con l’uncinetto tunisino si possano creare solo tessuti spessi e rigidi: qui infatti Kim Guzman ha incluso 18 punti traforati, alcuni molto semplici da realizzare, altri più complessi, ma tutti destinati a stupire.

Le ultime pagine del libro sono dedicate a delle brevi General Instructions, contenenti tra l’altro la spiegazione delle abbreviazioni e i fototutorial dei punti principali cui accennavo nell’introduzione.

Dizionario dei punti di uncinetto tunisino di Kim Guzman

In conclusione, secondo me questo libro è ottimo per chi si è appena avvicinato all’uncinetto tunisino e vuole scoprire quante possibilità offre questa tecnica oltre al punto base; soprattutto, è perfetto per chi si confronta per la prima volta con i termini in inglese della tecnica, perché proprio grazie alla sua schematicità è molto fruibile e immediato. Le abbreviazioni ed i simboli utilizzati da Kim Guzman sono quelli universali dell’uncinetto tunisino, perciò impararli vi permetterà di acquisire dimestichezza con il linguaggio tecnico che ricorre in tutte le istruzioni che incontrerete nei testi sull’argomento. Se siete motivati ad approfondire la tecnica, con un po’ di impegno il testo è alla vostra portata.

Tunisian Crochet Stitch Guide è consigliato anche a chi ha più esperienza ed è alla ricerca di nuovi punti da sperimentare e a chi vuole avere a portata di mano una guida di punti ricca di alternative.

Ricordo a tutti gli appassionati di uncinetto tunisino, e a chiunque voglia imparare o approfondire la tecnica, che su Facebook gestisco insieme a Veruska (Happysloth) il gruppo Tunisino, uncinetto di-vino.

L'autrice

Valentina La Masca

Appassionata di uncinetto tunisino, da cui non si stacca più e di cui parla e scrive come se non ci fosse un domani, Valentina vive a Cuneo e adora le sue valli e la Liguria di Ponente.
Su Ravelry è ValentinaOP, e la sua pagina su Facebook è OldenPatterns.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: