Recensioni di filati

BuonaLéna: tintura naturale a km 0

BuonaLéna
Scritto da Veruska

Campione BuonaLéna all'uncinetto

Ci piace sempre testare e far conoscere filature e tintore indipendenti di qualità e degni di interesse.

La nostra Alice Twain,  durante lo scorso incontro delle fan di Elizabeth Zimmermann, ha incontrato Michela e Simonetta, le artigiane responsabili del progetto BuonaLéna.

Scopo di BuonaLéna è valorizzare i filati locali e le fibre naturali, colorandoli a mano, con piante tintorie.

BuonaLéna si inserisce nel novero dei progetti volti a recuperare le lane italiane che negli ultimi anni sono state smaltite come rifiuti speciali, passando quindi da risorsa economica e ambientale a spesa per i pastori. Tra le cause della situazione attuale possiamo annoverare in parte il fatto che  la lana non è di buona qualità quando proviene da ovini selezionati per fornire carne e latte, in parte il fatto che la vendita del vello non è al momento redditizia per gli allevatori.

BuonaLéna è volta al recupero delle lane appenniniche romagnole, ma Michela e Simonetta tingono anche filati pregiati come, leggiamo “il cashmere, l’alpaca, la seta, il cammello, la canapa, il lino e tutte le fibre naturali privilegiando le filiere corte e tracciabili“.

Le piante tintorie utilizzate sono, ove possibile, coltivate e raccolte dalle stesse artigiane, per questo la tintura avviene seguendo il ritmo delle stagioni. Le acque utilizzate per la tintura vengono recuperate, al fine di ridurre il più possibile l’impatto ambientale della tintura.

Il filato che ho testato è una lana di pecora appenninica romagnola tinta con la reseda.

Il colore è un giallo decisamente intenso, a differenza dei colori pastello e spesso slavati che sono spesso associati con la tintura naturale.

Campione BuonaLéna all'uncinetto

Campioni eseguiti: descrizione e recensione

Ho eseguito 3 campioni, uno a maglia bassa, uno a maglia alta e uno con un semplice punto a rete e ventaglietti.

I punti rimangono ben definiti e il lavoro, sottoposto a frizione, non fa pallini.

Ho usato un uncinetto da 5 mm per un filato da 100 gr/220 m; il filato, a 2 capi, si lavora con facilità e non si apre. In gomitolo è decisamente rustico, dopo il lavaggio si ammorbidisce leggermente.

Utilizzo del filato

Lo trovo adatto a realizzare borse, accessori per la casa e per gli animali, decisamente troppo rustico per accessori da indossare a pelle e capi.

Campione BuonaLéna all'uncinetto

Come contattare BuonaLéna

Maggiori informazioni sui filati potete trovarli sul sito BuonaLéna e sulla loro pagina FB, dove vengono annunciati i nuovi filati e le fiere cui le artigiane presenzieranno coi loro prodotti.

L'autrice

Veruska

Veruska è una redattrice, una designer internazionale di modelli per uncinetto e una insegnante (talora di uncinetto, talora universitaria). I suoi lavori le succhiano la vita, le va benissimo così. Su Ravelry è sempre Veruska.

Leave a Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: