Recensioni di filati

Bora Bora: un cotone Egitto molto versatile

Gomitolo di Bora Bora, foto dal sito Katia
Scritto da Veruska

Pare che chi si dedica all’uncinetto tenda ad avere, mediamente, più simpatie per i filati estivi di chi fa la maglia.

Rientrando io nello stereotipo, eccovi quindi una recensione di Bora Bora, uno dei cotoni Katia della collezione estiva 2019, disponibile in 18 colori.

Bora Bora è un cotone egiziano confezionato in gomitoli da 50 gr per 115 metri, che io ho lavorato con un uncinetto da 3 mm, ottenendo dei campioni piuttosto consistenti. In fascetta è consigliato l’utilizzo di uncinetti da 2,5/3 mm.

Campione di Bora Bora realizzato con un punto fantasia

Campione di Bora Bora realizzato con un punto fantasia

È un filato autorigante, in varie sfumature di colore su una base bianca.
Gli autoriganti, sappiamo, possono dare risultati orrendi con l’uncinetto, se i vari tratti di colore sono lunghi solo pochissimi centimetri. Non è il caso di Bora Bora che, come potete vedere, ha prodotto campioni dall’aspetto piacevole e non caotico.

Bora Bora si lavora piacevolmente, ha una minima tendenza ad aprirsi. La mano è asciutta e il filato non è elastico, entrambe caratteristiche che possiamo aspettarci da un cotone.

Sottoposto a violenta frizione, si è dimostrato non soggetto a pilling, quindi è adatto anche a capi ed accessori da tutti i giorni, che non richiedano particolare cura e attenzione.

Con il lavaggio in acqua tiepida ha perso un po’ di colore, quindi consiglio, almeno la prima volta, di lavarlo separatamente da capi chiari.

Ho realizzato 3 campioni, uno a maglia bassa, uno a maglia alta e uno con un punto fantasia fatto di archetti di catenelle, maglie alte e basse, per capire se il filato potesse essere adatto anche ai punti operati.

Campione di Bora Bora realizzato a maglia alta, lavorata in tondo

Campione di Bora Bora realizzato a maglia alta, lavorata in tondo

I punti, come potete vedere dalle foto, rimangono definiti e questo cotone si è rivelato adatto alle lavorazioni piene, forse meno ai punti operati a mio gusto; dal punto di vista della performance, il campione che vedete in foto è stato solo tirato con le mani e lasciato ad asciugare in piano, quindi Bora Bora non avrà difficoltà a mantenere la messa in forma.

Per queste sue caratteristiche, Bora Bora mi sembra un filato molto versatile, adatto a capi e accessori per la persona, ma anche a progetti per la casa. Insomma, potete sbizzarrirvi!

Campione di Bora Bora realizzato a maglia bassa, lavorata in tondo

Campione di Bora Bora realizzato a maglia bassa, lavorata in tondo

Qui troverete i modelli pubblicati da Katia con Bora Bora; sono disponibili in varie lingue.

Il prezzo consigliato è di 4,95 euro a gomitolo.

L'autrice

Veruska

Veruska è una redattrice, una designer internazionale di modelli per uncinetto e una insegnante (talora di uncinetto, talora universitaria). I suoi lavori le succhiano la vita, le va benissimo così. Su Ravelry è sempre Veruska.

Leave a Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: