Curiosità Post senza gomitolo

Relax per l’estate: libri, fumetti e musica

La vicevita di Valerio Magrelli
Scritto da Veruska

Non di sola maglia e uncinetto vive l’uomo (e la donna). Ecco quindi un po’ di consigli dalla nostra redazione, per quando avete voglia di mettere da parte i gomitoli per la giornata, tra libri, fumetti e musica.

Misteri Etruschi di Giovanni Feo

Valentina Pontolillo
Nelle ultime settimane ho iniziato ad immergermi nelle opere dell’etruscologo Giovanni Feo, recentemente scomparso.

I suoi libri sono interessantissimi, accurati e stimolanti, non i classici ‘mattoni’ di storia. Consiglio i suoi testi a chiunque voglia approfondire le tanto decantate origini delle popolazioni cosiddette italiche: potrete scoprire una volta di più, se necessario, che i nostri antenati vivevano in maniera strettamente legata alla Natura ed ai suoi ritmi, in società in cui uomini e donne avevano davvero uguali poteri e diritti, e dove queste ultime erano spesso le custodi del Sacro.

Come ho detto sopra, nei libri di Feo non troverete ripetuto quello che avete studiato a scuola, ma avrete accesso ad un universo nuovo; chi potrà fare qualche giorno di vacanza, potrà anche farsi ispirare per nuove mete da visitare.
Alcuni testi di Feo sono di difficile reperibilità, quindi vi suggerisco quelli più facili da trovare:

Calci e sputi, di Paolo Sollier

Debora Salza
Mi confesso piuttosto sorpreso dello stupore per il mio libro Calci e sputi e colpi di testa. Come, dicono, un calciatore che scrive?!
Ma i calciatori non sono quelle cose che rotolano dietro una palla, coi muscoli, coi titoli sul giornale?

Questo pensiero, espresso da Paolo Sollier in merito al successo della sua biografia, mi ha definitivamente convinta ad eleggerla come mia lettura principale di questa estate. In copertina è ritratto l’autore, nel gesto abituale che usava per salutare i suoi tifosi e il pubblico tutto.

Quel pugno alzato era il simbolo del suo impegno politico e sociale, grazie al quale Sollier verrà ricordato per sempre come “il trequartista militante”.

Alice Twain

A Different Flesh di TurtledoveDue consigli da parte mia. Per chi legge in inglese e ama il fantastico, A Different Flesh di Harry Turtledove (disponibile anche in formato Kindle) è una serie di racconti in cui gli scopritori dell’America, anziché dagli indiani, trovano il Nuovo Mondo popolato ancora dalla fauna del pleistocene, quindi mammut, tigri dai denti a sciabola, e Homo erectus.

Nei racconti che compongono la raccolta ci si interroga sul confronto tra l’uomo moderno e uno dei suoi predecessori usando come cartina di tornasole gli eventi della storia americana, dalla colonizzazione all’insorgere dell’AIDS. Per esempio, come sarebbe cambiato il sistema delle piantagioni schiavistiche del Sud degli USA se accanto agli schiavi africani ci fossero stati gli Homo erectus?

Per chi preferisce la lettura in italiano, La vita agra di Luciano Bianciardi, da cui Carlo Lizzani ha tratto un bel film con Ugo Tognazzi. Il protagonista, alter ego dell’autore, vivacchia a Milano dove si è trasferito con l’intento di far esplodere il “torracchione”, sede dell’azienda titolare della miniera per cui lavorava e responsabile di un incidente costato la vita a 43 operai.

A Milano vivacchia lavorando nell’editoria e finisce per avere successo come pubblicitario. Con una scrittura ricchissima, anticipa il passaggio della terziarizzazione dell’economia, ma anche la perdita degli ideali politici.

Maria Modeo

La musica classica? Meglio dal vivo! D’estate le iniziative musicali non mancano: concerti in chiesa, nei cortili, in città o nei piccoli centri turistici. Ma se proprio avete voglia di un buon ascolto da divano ecco le mie proposte:

  • L’Accademia Bizantina diretta da Ottavio Dantone ha appena pubblicato con Naive Classique uno splendido lavoro su Vivaldi: Arie e cantate per contralto. La voce di Delphine Galou ci trasporta dalla gioia alla tragedia e illustra l’incomparabile ricchezza del patrimonio compositivo del veneziano!
  • Enrico Baiano è oggi considerato uno dei più completi e interessanti interpreti sulla scena della musica antica. Ha recentemente pubblicato con Limen Arts in CD e DVD J. S. Bach, Il Clavicembalo ben temperato (eseguito su clavicembalo, clavicordo e fortepiano.

  • Infine, per chi non ama particolarmente il barocco, Tchaikovsky: Symphony No. 6 “Pathétique”, con Kirill Petrenko & Berliner Philharmoniker.
    Kirill Petrenko è da poco alla guida dei Berliner. Quarantatré anni, direttore carismatico, sicuramente tra i migliori della sua generazione. Nato in Russia ma formatosi a Vienna, prima come pianista poi come direttore. Negli ultimi tre o quattro anni è venuto a dirigere anche alcune orchestra italiane lasciando ricordi memorabili, tra cui una nona di Beethoven a Roma all’Accademia di Santa Cecilia di cui ancora si parla.

Veruska/Happysloth

Se siete pendolari, vi consiglio La vicevita, di Valerio Magrelli (ed. Einaudi), una raccolta di racconti brevissimi sulla vita in treno. Sono sufficientemente brevi (circa una paginetta, una paginetta e mezza l’uno) da poter essere letti se dovete fare anche solo una fermata, e sono accattivanti ma non catturano l’attenzione al punto da farvi perdere la fermata.

Nathan Never: la miniserie Generazioni

Se leggete fumetti, vi consiglio invece, di Sergio Bonelli editore, un esperimento che ho trovato originale e molto interessanti, la miniserie di Nathan Never in 6 albetti dal titolo di Generazioni.

Curata da Antonio Serra, questa miniserie racconta un’unica lunga storia che però si dipana su più mondi del multiverso (insomma, sono universi alternativi). Ogni albo, ossia ogni episodio della storia, è contraddistinto da uno specifico stile di disegno e narrativo (ad esempio, la puntata raccontata in stile noir è disegnata in uno stile che richiama quello usato da Frank Miller in Sin City).

Inoltre, dal momento che, appunto, ogni puntata si svolge in un universo differente, alcuni eventi, di volta in volta, possono aver avuto un esito differente (ad esempio, in un universo un personaggio può essere morto durante un combattimento, nell’altro essere sopravvissuto con delle ferite gravi).

Purtroppo alcuni degli sceneggiatori Bonelli (quindi della mini), sono ancora convinti che la donnina scosciata e chiappe al vento sia imprescindibile (…) ma, nonostante questo problema, Generazioni resta una prodotto con un concept estremamente originale e interessante.

 

* Questo post può contenere link sponsorizzati.

L'autrice

Veruska

Veruska è una redattrice, una designer internazionale di modelli per uncinetto e una insegnante (talora di uncinetto, talora universitaria). I suoi lavori le succhiano la vita, le va benissimo così. Su Ravelry è sempre Veruska.

Leave a Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: