Recensioni di filati

Chloe: lo stoppino bottonato di Borgo de’ Pazzi

Scritto da Veruska

Chloe è uno stoppino composto al 90% da lana e 10% di viscosa. Confezionato in matassone da 100 grammi per 420 metri, è realizzato dalla filatura italiana Borgo de’ Pazzi.

Matassa di Chloe, lo stoppino bottonato di Borgo de' Pazzi

Matassa di Chloe, lo stoppino bottonato di Borgo de’ Pazzi

Descrizione

La matassa di Chloe ha un aspetto e una consistenza molto soddisfacenti: piena e grossa, è un piacere alla vista.

Al tatto è materica, corposa e morbida.

Campioni

Campione a ventaglietti realizzato a uncinetto con Chloe, lo stoppino bottonato di Borgo de' Pazzi

Campione a ventaglietti realizzato a uncinetto con Chloe, lo stoppino bottonato di Borgo de’ Pazzi

Veniamo ai campioni. In fascetta, è consigliato l’uso di un uncinetto da 3 o 3,5 mm. Io ho usato un uncinetto da 3,5 mm e uno da 4 mm, avendo la mano stretta, e ho ottenuto risultati soddisfacenti.

Come spesso scriviamo, le dimensioni dello strumento da usare, ferri o uncinetto che siano, dipendono dalla mano e la fascetta può dare una indicazione di massima, più o meno corretta: alcune fascette non sono per nulla affidabili). In questo caso, l’indicazione della fascetta è valida.

Campione a maglia bassa di Chloe di Borgo de' Pazzi Ho testato Chloe con un campione a maglia bassa, uno con un punto operato e due piastrelle a maglia alta; queste ultime (foto di apertura) con uncinetti di misure diverse, per capire quale si adattasse meglio al filato.

I campioni sono stati asciugati in piano, ma non messi in forma.

Chloe dà un buon risultato sia con la maglia bassa che con quella alta, mentre i punti operati tendono a perdere la loro eleganza per assumere, tuttavia, un fascino più rustico e concreto.

La lavorazione è piacevole e il filato non si apre e non avvolge su se stesso mentre si svolge. Il filato è secco, ma non ruvido. È una lana poco elastica.

I bottoni (i pallini colorati) non sono frequenti come piacerebbe a me, ma qui si tratta di gusti, ma sono comunque sufficienti e in colori abbastanza contrastanti (ma non stridenti) da risultare ben visibili sul lavoro completato.

Anche se l’aspetto del filato è, come scritto sopra, rustico, tuttavia questa lana è solamente più secca rispetto alla merino.

Per quanto riguarda i pallini, sono apparsi solo dopo che ho sottoposto i campioni a violenta e ripetuta frizione.

Granny square realizzato con Chloe, lo stoppino bottonato di Borgo de' Pazzi

Utilizzo

Chloe è versatile: lo ritengo adatto a progetti che vanno dalle presine da cucina, passando per cappellini, guanti e capispalla, per arrivare agli scialli operati. Non dà buoni risultati con punti come le trecce, che necessitano un filato elastico, e se si desiderano capi e accessori dall’aspetto elegante e leggiadro.

Al contrario, per progetti da tutti i giorni o che richiamino le atmosfere di una tenuta di campagna inglese, è quello che vi serve.

Trovate Chloe sul sito della filatura.

Qui potete leggere altre recensioni dei filati Borgo de’ Pazzi.

Qui spieghiamo come ottenere, ogni settimana, un modello gratuito in italiano di Borgo de’ Pazzi.

L'autrice

Veruska

Veruska è una redattrice, una designer internazionale di modelli per uncinetto e una insegnante (talora di uncinetto, talora universitaria). I suoi lavori le succhiano la vita, le va benissimo così. Su Ravelry è sempre Veruska.

1 Comment

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: