Schemi

SCHEMA. Calzini a coste facili

Calzini facili a coste
Scritto da Alice Twain

Calzini per principianti con un facile motivo a coste, ho usato il tallone olandese e la punta francese, due metodi che evitano ogni complicazione possible.

Calzini facili a coste

Calzini facili a coste

Calze per principianti con un facile motivo a coste. Per questi calzini ho usato il tallone olandese e la punta francese, due metodi che evitano ogni complicazione possible. Il filato consigliato può essere sostituito con qualsiasi lana specifica per calze in peso light fingering. usando un filato autorigante è possibile usare le ricorrenze della striatura per facilitare il calcolo della lunghezza della calza. Se desideri lavorare due calze identiche da un filato stampato come questo, assicurati di iniziare il lavoro dallo stesso punto della sequenza di colore, il modo più semplice per farlo è iniziare ad avviare le maglie alla giunzione tra due colori (gli stessi per entrambi i calzini). Il filato che ho usato per queste calze, tuttavia, era di due bagni diversi e ogni gomitolo aveva sequenze di colore leggermente diverse, quindi mi è stato impossibile lavorare le calze identiche al 100%. Se desideri delle calze più lunnghe o più corte, lavora qualche giro in più o in meno nella parte a maglia rasata della punta, prima delle diminuzioni.

I calzini indossati

I calzini indossati

Materiali

  • Filatura di Crosa Maxime Print, 80% superwash merino e 20% soft polyammide, 2 gom da 50 g.
  • Un gioco di 4 ferri da 2,5 mm.
  • Forbici e ago da lana a punta tonda.

Taglie

  • Small = Scarpe n. 36-38.
  • Large = Scarpe n. 39-41.

Le istruzioni sono fornite per la taglia piccola, le cifre successive tra parentesi sono per la taglia grande.

Misure: Circonferenza del piede (misurata appena sotto la base delle dita) 18 (21) cm, lunghezza del piede (tallone incluso) 22 (25) cm.

Tensione: 37 m = 10 cm a m ras in tondo (dopo il bloccaggio)

Istruzioni

Avvia con un metodo elastico ma resistente 64 (72) m. Distribuisci queste maglie su 3 ferri: 20-24-20 (24-24-24) m su ciascun ferro.
Per la gamba lavora: 1 dir, * 2 rov, 2 dir * fino alle ultime 3 m, 2 rov, 1 dir su tutti i ferri.
Lavora questo giro finché la gamba non è lunga 16 cm.
Prosegui per altri 2 cm lavorando le maglie sui ferri 1 e 3 a m ras (tutte le maglie di tutti i giri a dir) proseguendo la lavorazione a coste come impostata sul ferro 2.

Tallone olandese con tassello

Preparati a lavorare il tassello del tallone. Il tassello è lavorato a ferri di andata e ritorno con un facile motivo a maglie passate che lo rende più robusto.

Lavora a dir 16 (18) m del ferro 1, sposta le 4 (6) maglie rimaste dal ferro 1 al ferro 2 e gira il lavoro.
Passa la prima m prendendola a rov, rov fino alla fine del ferro. Con lo stesso ferro, lavora a rov 16 (18) dal ferro 3.
Distribuisci le restanti 32 (36) , equamente su due ferri e lasciale in attesa, formeranno la tomaia del calzino. Continua la lavorazione sulle 32 (36) m appena lavorate in ferri di adanta e ritorno come segue:

  • Ferro 1: * passa 1 m prendendola a dir, 1 dir * ripeti da * a * fino alla fine.
  • Ferro 2: passa 1 m prendendola a rov, rov fino alla fine.

Ripeti i ferri 1 e 2 per 14 (15) volte. Lavora il ferro 1 ancora una volta.

Preparati per la lavorazione del tallone olandese: passa la prima m prendendola a rov, lavora 19 (20) m a rov, 2 rov ass., gira senza completare il ferro.

  • Ferro 3: passa la prima m a dir, 8 (10) dir, ppl (o acc), gira.
  • Ferro 4: passa la prima m a dir, 8 (10) rov. 2 rov ass, gira.

A ogni ferro di questa lavorazione eseguirai una diminuzione che “mangerà” una delle maglie laterali. prosegui finché non ti restano esattamente 10 (12) m, terminerai la lavorazione con un ferro lavorato a dir. A questo punto potrai notare che il tallone avrà assunto una forma a “cucchiaio”.

Gherone

Riprendi a lavorare in tondo.
Con lo stesso ferro che porta le maglie del tallone riprendi 17 (18) m dal lato del tassello, quindi lavora 1 m a dir dal ferro successivo (che trattiene le maglie della tomaia).
Con un muovo ferro, lavora tutte le maglie della tomaia mantenendo il motivo a coste sulle 24 maglie centrali, quindi ripassa l’ultima maglia sul ferro sinistro.
Con questo ferro, che porta l’ultima maglia del ferro precedente, riprendi 17 (18) m dal lato del tassello e, infine, lavora a dir 5 (6) m del tallone.
ora hai 76 (84) m; Il giro comincia dal centro del tallone (e della soletta); le maglie sono distribuite come segue: 23 (25) , sui ferri 1 e 3, 30 (34) m sul ferro 2.
Lavora un giro senza sagomature.

Giro di diminuzione: ferro 1: dir fino alle ultime 3 m, 2 dir ass, 1 dir; ferro 2: lavora tutte le m come si presentano (mantenendo le 24 m centrali a coste); ferro 3: 1 dir, ppl (o acc), dir fino alla fine.

Alterna 1 giro sena diminuzioni a 1 giro di diminuzione per 5 (6) volte. Ti resteranno 66 (72) sts.
Distribuisci le maglie spostando le prime e le ultime 3 (5) m dal ferro 2 ai ferri adiacenti. Per la taglia S avrai 21 , sui ferri 1 e 3 e 24 m sul ferro 2, per la taglia L tutti i ferri porteranno 24 m.

Piede

Continua a lavorare in tondo come segue: Ferri 1 e 3: tutte le m a dir, ferro 2: 1 dir, * 2 rov, 2 dir * fino alle ultime 3 m, 2 rov, 1 dir.

Continua a lavorare come indicato finché il piede non è lungo 16 (18) cm, incluso il tallone. Per la sola taglia s sposta 1 m da ogni estremità del ferro 2 sui ferri adiacenti (22 m su ogni ferro). Lavora a m ras per circa 2 cm o finché il calzino non è lungo fino alla punta del quarto dito.

Punta

Fir di diminuzioni per la punta: 1 dir, ppl (o acc), dir fino alle ultime 3 m, 2 dir ass, 1 dir, ripeti su ciascun ferro.

Lavora il giro di diminuzione una volta ogni 3 per 3 (4) volte, quindi lavoralo a giri alternati per 4 volte, termina lavorando il solo giro di diminuzione per 2 volte, finché non ti restano esattamente 12 m.
Nel giro successivo, lavora 2 dir ass per tutto il giro. Ti restano 6 m.

Finitura

Spezza il filo, inserisci la coda su un ferro da lana e fallo passare tra tutte le maglie ancora sui ferri per 2 volte. Rimuovi i ferri e tira forte per chiudere l’apertura, esattamente come potresti fare per un cappellino. Intessi le code del filato sul retro del calzino.
Lavora 2 calzini identici.
Lava la nuove calze in acqua appena tiepida con un detergente delicato e quindi falle asciugare su un asciugamani pulito o su un paio di bloccalcazini.
I filati da calze non si infeltriscono facilmente e non fanno prillini; possono essere lavati a macchina con il ciclo delicato.

L'autrice

Alice Twain

Lavoro a maglia da diversi anni, tengo corsi di livello avanzato e su tecniche peculiari, disegno modelli, sono tra le fondatrici del gruppo stitch and bitch Milano (ci trovate su http://maglia.blogspot.com/). Ho scritto il manuale minimo di maglia “Ai ferri corti”, il mio blog personale è http://ferricorti.wordpress.com/.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: