Tecniche

Una vera storia dei maglioni Aran

Maglione Aran
Scritto da Alice Twain
I maglioni Aran sono antichissimi? I clan irlandesi si riconoscono dai motivi dei maglioni? Ma è vero che ogni punto Aran ha un significato preciso? Oppure sono tutte fanfaluche?!

No, i maglioni Aran non risalgono all’anno 1100 e non sono stati portati in Irlanda dai monaci arabi che fuggivano dall’Islam (non secondariamente perché, in quanto “religione del libro”, il cristianesimo non è mai stato perseguitato nell’islam arabo tradizionale). In realtà non c’è grande traccia di presenza araba nei monasteri irlandesi (che prima dell’anno Mille e fino all’invasione vichinga erano all’avanguardia culturale europea).

La storia e la leggenda dell’Aran

Non uno degli uomini irlandesi in questa foto indossa un Aran

Non uno degli uomini irlandesi in questa foto indossa un Aran

La storia del lavoro a maglia in Irlanda è piuttosto interessante. In realtà l’isola non ha avuto una forte tradizione di lavoro a maglia fino ai primi anni del XX secolo. Alla fine del XIX secolo, Alfred Cort Haddon e Charles R. Browne hanno documentato la vita quotidiana in Irlanda in un lavoro fotografico dal sapore vagamente razzista, l’Anthropometric Survey of the Irish Race. Uno dei dettagli più interessanti è che in nessuna delle fotografie alcun soggetto indossa un maglione Aran (o ne sta lavorando uno). Alcuni uomini indossano invece i classici maglioni Guernsey tipici delle coste inglesi, scozzesi, bretoni e olandesi, maglioni probabilmente di derivazione commerciale, e berretti scozzesi.

Gli unici capi lavorati a maglia dalle donne (le fotografie di donne al lavoro con i ferri sono rare in queste immagini) sono calze prodotte da lana filata a mano e tinta all’indaco. Questa stessa lana, prodotta dalle pecore locali e di qualità modesta, era usata anche per la produzione i tessuti a telaio che venivano quindi infeltriti per renderli meno rustici.

Il più antico maglione Aran attualmente conservato è un esemplare comprato in un negozio negli anni Trenta. Heinz Edgar Kiewe, autore di libri piuttosto fantasiosi sulle arti tessili e commerciante, decise di rivendere nei propri negozi questi maglioni. Per meglio lanciarli, produsse una campagna di marketing in cui questi maglioni venivano descritti come antichissimi (legando ai motivi Aran le illustrazioni miniate del Book of Kells). Questa campagna venne ulteriormente ripresa nel film Man of Aran (qui sotto potete vedere l’intero film, i cui diritti sono scaduti), una docufiction sulla vita dei pescatori irlandesi in cui è compresa la famosa scena del pescatore affogato riconosciuto dal maglione contenente i motivi “di famiglia”.

Dal Guersey all’Aran

In realtà, gli Aran sono in origine uno stile peculiare di maglioni Guernsey. Tra la fine del XIX secolo e i primi anni del XX le isole Aran furono oggetto dell’interesse del Congested Districts Board, che inviò sulle isole dei lavoratori scozzesi delle isole Ebridi per aggiornare le tecniche dei pescatori locali. Tra questi c’erano un gruppo di ragazze esperte di confezionamento del pesce che introdussero nella zona la lavorazione dei Guernsey nello stile ornato tipico delle Ebridi, da lavorare però con la locale báinín, ovverosia una lana greggia, non tinta.

Traditional Aran Knitting

Traditional Aran Knitting

Negli anni Dieci, pare inoltre, alcune donne emigrate negli USA e che avevano imparato la tecnica della lavorazione a trecce nello stile bavarese dalle migranti tedesche (a questo proposito ti invito a osservare i motivi della lavorazione bavarese a twisted stitches – vedi i tre volumi di Twisted Stitch Knitting di Maria Erlbacher), l’abbiamo riportata in Irlanda e che da questi motivi, lavorati però su due o più maglie e senza la torsione dei punti a diritto, siano derivate le intricate trecce che caratterizzano gli Aran.

Quindi, il maglione Aran non è altro che un Guernsey modificato con trecce a loro volta modificate dai motivi bavaresi ed è stato creato nel XX secolo. Nulla di meno mistico! Il resto è solo marketing di (grande) successo, per quanto affascinante. Per saperne di più sulla lavorazione Aran, consigliamo Traditional Aran Knitting di Shelagh Hollingworth, disponibile anche in formato Kindle.

L'autrice

Alice Twain

Lavoro a maglia da diversi anni, tengo corsi di livello avanzato e su tecniche peculiari, disegno modelli, sono tra le fondatrici del gruppo stitch and bitch Milano (ci trovate su http://maglia.blogspot.com/). Ho scritto il manuale minimo di maglia "Ai ferri corti", il mio blog personale è http://ferricorti.wordpress.com/.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: