Schemi Tutorial

Muffole a maglia.

Muffole ai ferri
Scritto da Maria Modeo

Le muffole a maglia sono un accessorio utile e facile da realizzare. La ricetta di Maria Modeo ci aiuta a idearle in modo veloce e indipendentemente dai modelli.

Le muffole a maglia, in inglese mittens, sono guanti  che vestono interamente la mano, con il solo pollice indipendente.

In genere vengono realizzate a partire dal polsino, ma è possibile anche partire dalla punta superiore. Questo tipo di guanto è abbastanza semplice da realizzare, ed è quindi adatto a un principiante avventuroso, soprattutto se a tinta unita. Se lavorato a più colori naturalmente diventa un progetto più impegnativo, come gli splendidi Selbuvotter, i guanti norvegesi a due colori, quasi sempre bianco e nero, opure i lituani, con i loro intricati simboli geometrici.

In questo articolo vi spiego come realizzare un paio di muffole “basiche”, a tinta unita e con il pollice afterthought (ossia realizzato dopo aver eseguito il resto del guanto, in inglese afterthought vuol dire “ripensamento”, “aggiunta”), lavorate a partire dal polsino.

Materiali

Il filato che ho scelto per il prototipo variegato è abbastanza sottile, lavorabile con i ferri 2,5/3 mm, Bice di Borgo de Pazzi, una lana da calze, ovvero fingering. Per quello in tinta unita color castagna ho usato Rita, sempre di Borgo de Pazzi, un po’ più grossa, lavorabile con ferri 3-4 mm. Niente vieta di sperimentare anche filati più grossi, per muffole a maglia super calde. La quantità varierà dai 120 ai 270 metri se si usa un filato fingering. Se invece si usa un filato più grosso, ne occorrerà meno.

Muffola a maglia in Bice Borgo de Pazzi

Prototipo in Bice Borgo de Pazzi lavorato su ferri 3 mm

I ferri saranno preferibilmente in metallo, soprattutto se di calibro piccolo, altrimenti potrebbero spezzarsi. Naturalmente occorrono ferri a due punte, in set da 4 o 5, non troppo lunghi, 16 o 20 cm. Occorrono due misure, una più sottile per il polso, l’altra più grande per il resto del guanto. Di seguito suggeriamo le misure di ferri utili per lavorare con filati di varie grossezze.

  • Fingering: ferri 2 mm e 3 mm.
  • DK: ferri 3 mm e 3,75 mm.
  • Worsted: ferri 3,75 mm  e 4,5 mm.
  • Chunky: ferri 4 mm e 5 mm.

Costruzione

Le muffole a maglia si lavorano in tondo a partire dal polso, preferibilmente realizzato a coste. Al termine del bordo si eseguono eventualmente alcuni aumenti, e si prosegue lavorando il palmo. Arrivati all’altezza dell’attaccatura del pollice, si lavorano alcune maglie, da 7 a 10 a seconda della taglia e del filato, su una gugliata di scarto, si riportano queste maglie sul ferro sinistro, e si prosegue normalmente a terminare la mano, con alcune diminuzioni che andranno a dare forma alla punta superiore del guanto. Terminata la mano, si disfano le maglie precedentemente lavorate sul filato di scarto, e si rimettono in lavorazione su tre ferri per terminare il pollice.

Per una diversa ricetta con cui creare le tue moffole senza usare modelli ti consigliamo L’inimitabile ai ferri corti di Alice Twain.

Esecuzione

Polsino

Usando l’avvio Long Tail Cast On e i ferri più sottili montare le maglie necessarie, che avrete calcolato in base alla tabella qui sotto e al vostro campione. Per sapere quante maglie serviranno per il nostro guanto, basta moltiplicare la tensione (ovvero il numero di maglie in 10 cm) per i cm della circonferenza della mano e dividere il risultato per 10.

Taglia 3 4 5 6 7 8 9
Circonferenza mano cm 14 15 16 17 18,5 20 20
Lunghezza punta del medio – incavo pollice cm 7 8 9 10 11,5 13 14,5
Lunghezza pollice cm 2,5 3 3,5 4 4,5 5 5,5
Apertura pollice cm 2,5 2,7 2,7 3 3 3,5 3,7

Esempio

tensione = 30 maglie in 10 cm
circonferenza mano =  17 cm
numero maglie da avviare =  (30 × 17) / 10 = 51

lavorare in tondo sul gioco di ferri

Distribuire le maglie su tre ferri a due punte

Consiglio di avviare qualche maglia in meno rispetto al totale, per avere un polsino aderente, ma è possibile partire con il numero definitivo, basterà usare ferri più piccoli di due misure. Io, con il filato fingering ho usato ferri 2 mm per il polsino e ferri 3 mm per il resto del guanto, con il filato DK ho usato ferri 3 e 4 mm. Per una taglia 6, con Bice ho avviato 48 maglie, con Rita ho avviato 40 maglie.

Chiudere per la lavorazione in tondo facendo attenzione a non attorcigliare le maglie.

Proseguire a punto coste 1/1 (o in un’altra variante delle coste che sia un sottomultiplo del numero di maglie montate)  fino all’altezza desiderata del bordo.

Mano

Passare ai ferri più grandi. Se per il polso si sono avviate meno maglie eseguire gli aumenti necessari a raggiungere il totale desiderato.

Proseguire a maglia rasata, o in un altro punto a scelta, fino all’altezza dell’attaccatura del pollice.

Nel giro seguente lavorare la prima maglia con il filo del lavoro, poi, con il filo di scarto, le maglie necessarie per l’apertura del pollice. Riportare indietro sul ferro sinistro queste maglie e riprendere la lavorazione del palmo. Per calcolare quante maglie servono per l’apertura del pollice bisogna come al solito moltiplicare la tensione per i cm dell’apertura pollice (vedi tabella) e dividere per  10. Se  le vostre muffole hanno una lavorazione particolare, che differenzia il palmo dal dorso della mano, il pollice va posizionato sulla destra per il guanto destro, a distanza di  1 o 2 maglie dall’inizio del palmo, e a sinistra per il guanto sinistro. Per un guanto senza lavorazioni particolari, è possibile anche posizionare il pollice allo stesso modo per entrambi.

Una volta eseguite le maglie di scarto per il pollice, proseguire normalmente fino a raggiungere l’ultima articolazione del mignolo.

Cominciare a questo punto le diminuzioni, scegliendo uno dei due metodi seguenti:

1. A spirale

Dividere il totale delle maglie in 6/8 sezioni usando dei segnapunti e lavorare in questo modo:

Giro 1= *2 maglie insieme, a diritto fino al segnapunti*. Ripetere per tutto il giro.
Giro 2= a diritto

Ripetere questi due giri fino a quando non resteranno che poche maglie in lavorazione, da chiudere passandoci il filo con l’ago due volte. Negli ultimi due giri è consigliabile non eseguire il giro di riposo, per evitare una forma troppo appuntita.

2. In due sezioni

Dividere a metà il totale delle maglie, prevedendo da 1 a 3 maglie ai due lati come falsa cucitura, e lavorare in questo modo:

Giro 1= *falsa cucitura, 1 accavallata, a diritto fino a 2 maglie dalla falsa cucitura, 2 maglie insieme a diritto*, ripetere una volta dal segno.

Ripetere  sempre questo giro, fino a quando non resteranno che poche maglie in lavorazione, da chiudere passandoci il filo con l’ago due volte. In alternativa è possibile chiudere queste maglie a punto maglia (grafting).

Pollice

maglie del pollice in lavorazione sul gioco di ferri

Le maglie del pollice sono state rimesse in lavorazione

Eliminare il filo di scarto, liberando le maglie  per il pollice. Rimetterle in lavorazione su 3 ferri, uno per le maglie superiori, gli altri due per le maglie inferiori. Naturalmente le maglie in lavorazione saranno il doppio di quelle previste per l’apertura. Se abbiamo fatto un’apertura di 7 maglie, il pollice conterà 14 maglie. Per evitare buchi laterali riprendere 1 maglia a destra e 1 a sinistra, ed eliminarle nel giro seguente con una diminuzione.

Proseguire fino alla lunghezza desiderata del pollice, poi lavorare il giro finale: 2 maglie insieme a diritto per tutto il giro. Chiudere le maglie restanti passandoci il filo con l’ago due volte.

Finiture

Nascondere le codine, e bloccare le muffole a maglia  lasciandole asciugare distese oppure usando una forma apposita.

 

 

L'autrice

Maria Modeo

La maglia per me è una vera passione. Il sottofondo d'obbligo quando lavoro o disegno un capo è la mia adorata musica barocca. Napoli è il luogo dove pericolosamente vivo!

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: